Collezione

I VINI

Al Castello di Montepò, Jacopo Biondi Santi è stato capace di valorizzare tutte le grandi potenzialità di un territorio storicamente vocato alla produzione di uve d’eccellenza.

Al Castello di Montepò, Jacopo Biondi Santi è stato capace di valorizzare tutte le grandi potenzialità di un territorio storicamente vocato alla produzione di uve

VINI

LA COLLEZIONE

VINI

LA COLLEZIONE

C

astello di Montepò rappresenta non solo un marchio famoso del vino di qualità, ma soprattutto un modello di riferimento, uno stile enologico e quella ricercata finezza che continua a segnare la supremazia del Sangiovese tra i vini d’eccellenza assoluta. Stringere tra le mani una bottiglia di Sassoalloro, figlio prediletto del clone di Sangiovese Grosso BBS11, crea un’aspettativa unica nel suo genere, perché sfiora più livelli d’esperienza. Basti pensare alla sola, elegantissima etichetta che, con gli stemmi di famiglia, evoca un mondo araldico e cavalleresco, trasmettendo echi di un’età bellissima, impossibile e perduta.

M

a questo è solo il primo passo, per quanto l’immaginazione del pubblico, in una certa misura, contribuisca alla creazione dell’opera dell’autore: una responsabilità, quella di dar vita a emozioni memorabili, che Jacopo Biondi Santi ha raccolto con coraggio e vigore, scegliendo di condurre nel nuovo millennio quel glorioso retaggio familiare, che racchiude due secoli di storia di vino, oggi entrato nel mito.

C

astello di Montepò rappresenta non solo un marchio famoso del vino di qualità, ma soprattutto un modello di riferimento, uno stile enologico e quella ricercata finezza che continua a segnare la supremazia del Sangiovese tra i vini d’eccellenza assoluta. Stringere tra le mani una bottiglia di Sassoalloro, figlio prediletto del clone di Sangiovese Grosso BBS11, crea un’aspettativa unica nel suo genere, perché sfiora più livelli d’esperienza. Basti pensare alla sola, elegantissima etichetta che, con gli stemmi di famiglia, evoca un mondo araldico e cavalleresco, trasmettendo echi di un’età bellissima, impossibile e perduta.

M

a questo è solo il primo passo, per quanto l’immaginazione del pubblico, in una certa misura, contribuisca alla creazione dell’opera dell’autore: una responsabilità, quella di dar vita a emozioni memorabili, che Jacopo Biondi Santi ha raccolto con coraggio e vigore, scegliendo di condurre nel nuovo millennio quel glorioso retaggio familiare, che racchiude due secoli di storia di vino, oggi entrato nel mito.

L

a collezione firmata da Jacopo Biondi Santi nella Tenuta del Castello di Montepò è quindi non solo una raccolta da sogno che, in tutti i momenti, esprime pregio ed eccellenza, ma le sue etichette rappresentano anche autentici frammenti, sottratti e imbottigliati, del bene più prezioso che esista: il tempo.

Vini di un futuro passato e destinati a durare, come lo Schidione, a cui Jacopo Biondi Santi, ravvivato dal medesimo spirito di intraprendenza dei suoi antenati, ha saputo trasmettere uno stile personale e contemporaneo, riuscendo a instaurare nuove tradizioni in un mondo, quello della profonda Maremma e dell’agro di Scansano, dove le terre diventano vigne di leggenda. È con questi vini che si raccoglie e racconta la storia della civiltà della vite e del vino, una grande esperienza di vita condivisa e riconosciuta da più generazioni, contando secoli.

L

a collezione firmata da Jacopo Biondi Santi nella Tenuta del Castello di Montepò è quindi non solo una raccolta da sogno che, in tutti i momenti, esprime pregio ed eccellenza, ma le sue etichette rappresentano anche autentici frammenti, sottratti e imbottigliati, del bene più prezioso che esista: il tempo. Vini di un futuro passato e destinati a durare, come lo Schidione, a cui Jacopo Biondi Santi, ravvivato dal medesimo spirito di intraprendenza dei suoi antenati, ha saputo trasmettere uno stile personale e contemporaneo, riuscendo a instaurare nuove tradizioni in un mondo, quello della profonda Maremma e dell’agro di Scansano, dove le terre diventano vigne di leggenda. È con questi vini che si raccoglie e racconta la storia della civiltà della vite e del vino, una grande esperienza di vita condivisa e riconosciuta da più generazioni, contando secoli.

CASTELLO DI MONTEPÒ

UNA STORIA DEL VINO

Al Castello di Montepò, Jacopo Biondi Santi è stato capace di valorizzare tutte le grandi potenzialità di un territorio storicamente vocato alla produzione di uve d’eccellenza.

CASTELLO DI MONTEPÒ

UNA STORIA DEL VINO

Al Castello di Montepò, Jacopo Biondi Santi è stato capace di valorizzare tutte le grandi potenzialità di un territorio storicamente vocato alla produzione di uve d’eccellenza.

Seguici su instagram
Castello di Montepò – Jacopo Biondi Santi